Dalla Storia

Lusina, il nome preromano di Luson, fu menzionato per la prima volta nell'893 in un documento emesso a Ratisbona, dove il re Arnulf restituì le foreste di Lüsen ("forestis ad Lusinam") al vescovo di Sabiona (Säben sopra Chiusa). I confini ivi menzionati coincidono essenzialmente con quelli del tribunale e dell'attuale comune di Luson, esistente dal 1313 al 1803. Singole proprietà dell'alta diocesi, che nel frattempo si erano trasferite a Bressanone, sono citate "in loco Lusina" nel 990. Nel più antico Urbar di Bressanone del 1253 compaiono diversi Schwaighöfe ("swaigeri in Lusna"). Un elenco preciso delle aziende agricole è contenuto nell'Urbar del 1350. La parrocchia è stata divisa in sette oblati (obulus = tassa), da cui sono emerse le frazioni dell'attuale parrocchia: Kreuz, Berg, Huben, Dorf, Rungg, Flitt e Petschied.


Nel 1147 un documento nomina "Henrici sacerdotis illis temporibus Lusune", il primo parroco della chiesa di San Giorgio di Lüsen. La chiesa attuale fu costruita in stile gotico intorno al 1470, ma fu completata e consacrata solo nel 1502. Nel 1773/75 la chiesa parrocchiale fu barocca. Dopo il grande incendio del 1921, che ha danneggiato 29 edifici e la chiesa parrocchiale, la chiesa è stata ristrutturata, ampliata e dipinta dal sacerdote Johann Oberkofler. Oggetti di particolare valore della chiesa sono il fonte battesimale (inizio del XIV secolo), il "Schmerzens-mutter", una Pietà dell'anno 1415 e il gotico. Monstrance, che "Christoffer mgr. fatta nel 1490. I tre altari lignei sono stati eretti nel 1817. Le immagini per loro sono state create da Johann Oberkofler (1960), Georg Kachler e Josef Renzler.


Sul lato nord del cimitero si trova l'unica chiesa kilianica del Tirolo. Fu menzionata per la prima volta come cappella nel 1243, fu ampliata dal sacerdote Georg Bücherle nel XV secolo e dotata di un altare alato nel 1495, appena dipinto da Rudiferia nel 1882. L'altare di Maria fu consacrato nel 1661, quello di Antonio nel 1683.


Tre chilometri più a valle, nella frazione di Petschied, si trova la chiesa di San Nicola, patrono dei viandanti. Fu menzionato per la prima volta nel 1446. Nel 1513 e nel 1692 fu ampliato e nel 1685 fu aggiunta una torre. Le statue dell'altare (1490 / 1883) sono state recuperate e sostituite da copie. La chiesa è stata probabilmente costruita sul luogo di un antico santuario delle sorgenti, poiché una sorgente sorge a sinistra dell'altare e la sua acqua sgorga attraverso il santuario in un pozzo. Sopra la chiesa, sul Gschlierer (Caduta) Bühel, l'archeologo Adrian Egger trovò nel 1917 dei frammenti di ceramica assegnati all'età del bronzo (2300-1000 a.C.). Il nome Gschlier (da castilir) fa pensare a un castello bastionato all'attraversamento delle valli dolomitiche, un tempo molto frequentato.


Dal 1751 ci sono anche delle cappelle a Villpeder a Lüsen Berg, dal 1913 sulla collina panoramica di Flitt e dal 1676 sul frequentatissimo sentiero escursionistico per Rodeneck a Lüsen Kreuz.


Degno di nota è il Mairhof, il maso di cucina superiore del principe vescovo, che fino al 1942 era probabilmente il maso più grande con circa 600 ettari di proprietà. Intorno al 1200 qui vissero i "mayr, villicus de Lusina", più tardi i Signori di Stempfl, giudici a Gufidaun e dal 1425 al 1740 i Signori di Mayrhofen a Koburg e Anger. Luson è gemellata con il comune di Steffenberg in Assia, distretto di Marburg / Biedenkopf, dal 1979. Paul Detomaso